Mozambico Diamonds Mequfi Beach

Hotel resort di lusso a Mozambico

Mozambico

La via più breve per giungere a se stessi gira intorno al mondo

Destinazione esclusiva e ancora incontaminata, presenta tra le spiagge piu’ belle al mondo, bianche distese lunghe km che contrastano con il blu dell’Oceano Indiano. Destinazione ideale per immersioni, avvistamenti di balene, squali e moltissime specie animali. Per gli appassionati di Safari, da non perdere il famoso parco di Gorongosa.

Il Mozambico, ex colonia portoghese indipendente dal 1975, è uno stato dell’Africa Orientale, con una popolazione di circa 25,2 milioni di abitanti. La capitale è Maputo e lo stato confina a nord con la Tanzania, il Malawi e lo Zambia; ad est con il Canale di Mozambico, che lo divide dal Madagascar; a sud con il Sudafrica; ad ovest con Zimbabwe e lo Swaziland. Il Mozambico è considerato un paese in via di sviluppo, che sta emergendo come destinazione esclusiva e d’eccezione per i suoi paesaggi incontaminati.
Dalla seconda metà degli anni novanta, il Mozambico si è attivato per istituire zone protette, creando parchi nazionali e riserve naturali. I parchi nazionali più importanti sono: il parco nazionale di Banhine, il parco di Gorongosa, il parco nazionale di Zinave e il parco del Limpopo. Nel 1991 l’Isola di Mozambico è stata dichiarata Patrimonio dell’umanità.

Come arrivare a Pemna in Mozambico

Il passaporto è obbligatorio, con validità residua di almeno sei mesi.

E’ indispensabile che il proprio passaporto abbia almeno due pagine in bianco.

Visto d’ingresso: necessario, da richiedere, prima della partenza. Qualora si volessero visitare anche i Paesi limitrofi con successivo ritorno in Mozambico, si suggerisce di richiedere direttamente all’Ambasciata del Mozambico un visto d’ingresso multiplo. Si segnala tuttavia che il visto multiplo, pur consentendo di entrare ed uscire più volte dal Mozambico, permette un soggiorno della durata massima di 30 giorni, al termine del quale vi è l’obbligo di uscire dal Paese senza possibilità di proroghe o rinnovi.

Diamonds Mequfi Beach Resort
Altri hotels Punto d'interesse

Voli per Pemba

È possibile raggiungere Pemba da tutto il mondo con diverse compagnie aeree, in particolare:

Dall’Europa: TAP Portugal, South African Airways
Dal Sud Africa: AIRLINK www.flyairlink.com , South African Airlines www.flysaa.com con volo diretto.
Dalla Tanzania: LAM
Dal Kenya: LAM

Trasferimento dall’aeroporto di Pemba

Diamonds Mequfi Beach dista 1 ora di auto dall’aeroporto di Pemba.
E’ disponibile un servizio di trasferimento A/R dall’aeroporto al resort, organizzato dall’albergo.
Il servizio di transfer è incluso nella tariffa di alcuni pacchetti ed offerte prenotabili online sul nostro sito web.
In caso non sia incluso, è possibile prenotare il proprio transfer direttamente online sul nostro sito web al momento della prenotazione della camera oppure contattando direttamente l’indirizzo email booking.web@planhotel.ch

Piatti tipici del Mozambico

La cucina del Mozambico, è stata molto contaminata dall’influenza portoghese. Scoprite i piatti tipici che potrete trovare in questa nuova esclusiva destinazione.

PRIMI PIATTI

Açorda alentejana – Zuppa di pane con brodo di pesce, olio d’oliva, coriandolo, aglio e uovo sodo.
Açorda de bachalau – Zuppa di pane a base di brodo di pesce con baccalà, olio d’oliva, coriandolo, uova al tegame
Amêijoas à bulhão pato – Vongole con aglio e coriandolo.
Arroz açafrão – Riso allo zafferano con pesce e pollo. Ricorda un po’ la paella valenciana.
Arroz de manteiga – Riso al burro con cipolle.
Caldo verde – Minestra di cavoli servita con pão de broa, a cui si aggiunge una fetta di chouriço.
Creme pastor – Brodo di pollo con verdure, pancetta, uova e panna.
Gaspacho à alentejana – Minestra di verdura fredda con salsiccia al cumino e pane.
Sopa alentejana – Zuppa a base di baccalà fritto, coriandolo, acqua, uovo e pane.

SECONDI PIATTI

Almôndegas – Polpette di carne di maiale e vitello.
Atum com arroz – Sformato di riso con tonno, lattuga, pomodori e olive.
Bacalhau à moda do Porto – Baccalà tipico di Porto.
Bachalhau à moda de Minho – Baccalà cotto al forno in foglie di cavolo. Viene servito con cipolle rosolate e patate lesse, ma senza le foglie di cavolo.
Bachalhau com batatas – Baccalà con crema di farina e patate bollite.
Bachalhau frito – Baccalà in pastella fritto.
Bachalhoada – Pasticcio di baccalà con olive, pomodori, cavolo, prezzemolo, cipolla, aglio e uova in umido.
Bife de figado ao molho Madeira – Fette di fegato fritto con salsa di pomodoro, farina e vino madeira.
Bife Maputo (Mozambico) – Bistecca al mango.
Conchas de camarão – Gamberi in besciamella, cosparsi di pan grattato e formaggio. Vengono cotti nelle conchiglie delle capesante.

DOLCI

Arroz doce – Budino di riso e uova spolverato di cannella. Servito freddo..
Leite crem – Dolce di latte, vaniglia, zucchero spolverato di cannella.

Devi vedere

Avvistamento delle balene

I mesi migliori per incontrare le balene in migrazione sono Agosto e Settembre. solcano queste acque, vicino alla riva, nel periodo invernale (estate italiana).

Completano il quadro la bellezza naturale mozambicana la possibilità di avvistare una straordinaria varietà di pesci e un assortimento fantastico e quasi del tutto incontaminato di coralli duri e morbidi.

Gorongosa Park

Questo parco naturale era considerato una delle più importanti mete per i safari ed offre spettacolari scenari sui diversi eco-sistemi presenti all’interno del parco: immense pianure intervallate da macchie di alberi di acacia, distese di savana, foreste e bacini d’acqua stagionali. All’interno del parco è possibile osservare una rigogliosa fauna,  fatta di erbivori, carnivori ed uccelli. A seconda del periodo dell’anno sarà possibile identificare attività differenti per scoprire le bellezze del parco, in base alle condizioni climatiche: i mesi da luglio a settembre sono i migliori per effettuare i safari fotografici mentre nella stagione umida, quando le piste sono inondate e non sono praticabili le esplorazioni del parco vengono effettuate a bordo di canoe e mekoro.

Nel parco si possono facilmente avvistare branchi di elefanti e di bufali, wildebeest, kudu, hartebeest, zebre, impala, scimmie e babbuini. Se invece volete avvistare ippopotami e coccodrilli, basterà recarvi sulle rive del lago Urema. Il parco si distingue inoltre per la possibilità di effettuare il bird-watching. All’interno del parco potrete pianificare con le guide, dei veri e propri percorsi personalizzati che renderanno la vostra esperienza in Mozambico, ancora più unica e rara.

Leggi di più

Arcipelago Quirimbas

Il Parco Nazionale Quirimbas, che si estende lungo la costa nord-est del Mozambico, e si compone di 750.639 ettari di foresta costiera e mangrovie, ricche barriere coralline e una ricca vita marina, tra cui tartarughe marine, dugonghi e centinaia di specie di pesci. Il parco è stato istituito nel 2002 per proteggere le risorse naturali della regione.

Un progetto WWF garantisce che le comunità locali, gli enti del parco e operatori turistici condividano sia i vantaggi che le responsabilità relative alla gestione del parco a terra e in mare. Le attività principali del progetto comprendono programmi di monitoraggio della pesca, lo sviluppo dell’ecoturismo, la conservazione delle specie marine e il mantenimento degli habitat naturali.

Maputo

In epoca coloniale, il nome della capitale era Lourenço Marques, ma il suo soprannome divenne presto “Cannes dei sudafricani”. Perché se durante il governo di segregazionista il Sudafrica proibiva la musica rock, Maputo era invece capitale della “dolce vita”, con una stazione radio diffusa e ascoltata fino a Johannesburg.

Del passato oggi restano edifici in stile barocco e ottocentesco, ma anche una Cattedrale realizzata all’inizio del secolo scorso, in stile futurista, e una cinta muraria del castello, primo avamposto portoghese nel quindicesimo secolo. In questa città troviamo la fusione tra un’epoca antica legata al colonialismo con la piu’ recente modernità.

Spiagge incontaminate

Il Mozambico presenta un litorale lungo 2500 km, fatto di coste bagnate dalle correnti calde dell’Oceano Indiano, barriere coralline ben conservate, mangrovie e un turismo ancora non di massa che rende questa destinazione tra le piu’ esclusive dell’Oceano Indiano.

Il Mozambico ha spiagge tra le più belle d’Africa.

Animali a Mequfi

Tartaruga embricata (Eretmochelys imbricata): Questa tartaruga è molto comune lungo le barriere coralline degli oceani tropicali ed è possibile avvicinarsi facilmente ad essa. Lunga circa 70-80 cm, questo rettile si nutre di spugne di mare, anemoni di mare e meduse.

Tartaruga verde (Chelonia mydas): Questo rettile marino può arrivare a misurare fino a un metro e mezzo e pesare più di 160 kg. Il suo nome deriva dal colore della sua pelle, mentre il suo guscio è di colore verde olivastro. In primo luogo erbivoro, può deporre fino a 200 uova che si schiudono allo stesso tempo, in media dopo 60 giorni.

Tartaruga marina (Caretta caretta): Così chiamato per la grande forma della sua testa, questo animale in acqua può raggiungere una velocità di 24 km all’ora. Si nutre principalmente di meduse, ma non disdegna anche granchi, pesci e più raramente alghe e piante marine. Il guscio di tutte le tartarughe marine, formate da carapace e piastrone, è molto sensibile e non dovrebbe mai essere toccato in modo da non infastidire o spaventare l’animale.

Stenella (Stenella longirostris): Questo delfino è un mammifero marino, e ha bisogno di respirare aria attraverso lo sfiatatoio. Questo piccolo cetaceo raggiunge un massimo di 2 metri di lunghezza, è un animale molto sociale e vive in grandi gruppi. Eccellente cacciatore, utilizza ecolocalizzazione attraverso l’emissione di onde sonore per trovare la sua preda. Molto spesso esegue acrobazie saltando fuori dall’acqua.

Megattera (Megaptera novaeangliae): Questa balena può raggiungere i 15 metri di lunghezza e superare le 30 tonnellate. Onnivoro, filtra plancton e piccoli pesci attraverso i fanoni e quindi non ha denti. È l’unica balena in grado di saltare completamente fuori dall’acqua ed eseguire la migrazione annuale di circa 10.000 km. È innocua per gli esseri umani.

Cercopiteco verde (Chlorocebus pygerythrus): Questa scimmia si nutre principalmente di frutta, verdura, foglie e fiori, ma a volte anche di uova di uccelli e insetti. Buona scalatrice, si può trovare principalmente sugli alberi. Molto sociale, vive in gruppi fino a 40 elementi. Emette suoni diversi che permettono di comunicare con gli altri membri del gruppo.